In questa guida spieghiamo come costruire un igrometro, uno strumento per misurare l’umidità.

L’igrometro a capello consente di misurare l’umidità dell’aria. Nonostante non sia uno strumento preciso, puoi utilizzarlo come piccola stazione meteorologica di casa per la curiosità e l’istruzione dei tuoi bambini. Costruirlo è facile, con oggetti di uso quotidiano. Si basa sul principio fisico che i capelli si contraggono o si allungano a seconda dell’umidità dell’aria.

Prendi una scatola e fissa la sua base superiore una graffetta, lasciando che fuoriesca un paio di centimetri dal bordo. A metà dell’altezza, sotto la graffetta, ritaglia una finestrella e fissa l’ago, nella cui cruna inserirai un fiammifero, facendo in modo che aderisca sulla faccia della scatola. Su questo stesso lato disegna una semicirconferenza il cui centro sarà il punto dove il fiammifero è inserito nella cruna dell’ago.

Adesso sgrassa il capello con alcool o etere, fallo asciugare e lega un’estremità alla graffetta posta sopra la finestra; avvolgi poi il capello due o tre volte intorno all’ago e lega all’altra estremità un piccolo peso. Ora l’igrometro è pronto, ma occorre tararlo, cioè segnare il massimo e il minimo sulla semicirconferenza.

Per segnare il massimo dell’umidità, metti lo strumento su una pentola in ebollizione; quando il capello si sarò teso al massimo e il fiammifero girerà lentamente fino a fermarsi, segna questo punto. Poi metti l’igrometro sopra una fonte di calore, dove l’aria è secca e l’umidità è pari allo 0%: il fiammifero girerà dalla parte opposta, e quando si fermerà, segna quest’altro punto. Dividi l’intervallo ottenuto in 10 parti uguali, e avrai la gradazione dell’igrometro.

Come detto in precedenza, la precisione non è molto elevata e quindi se si ha bisogno di uno strumento più professionale è possibile vedere questa guida sull’igrometro pubblicata su questo sito, in cui sono segnalati alcuni dispositivi digitali per la misurazione dell’umidità in casa.